Per migliorare la tua esperienza qui consigliamo di aggiornare il tuo browser.
 
Fiagop - La malattia e le opportunità terapeutiche - Trapianto di midollo da cordone ombelicale

Trapianto di midollo da cordone ombelicale

In alcuni casi, le cellule da trapiantare vengono ricavate dal sangue del cordone ombelicale donato al momento della nascita (trapianto di cellule staminali emopoietiche cordonali). La spremitura della placenta e del cordone ombelicale dopo il parto consente una raccolta di sangue placentare molto ricco di cellule immature (cellule staminali emopoietiche - CSE), che sono in grado anche esse di migrare verso le cavità svuotate delle ossa e, moltiplicandosi e specializzandosi, diventare nuove cellule di midollo osseo. Il sangue placentare viene tipizzato e crioconservato in sacche fino all'utilizzo per il trapianto in un paziente compatibile. Queste cellule hanno delle caratteristiche, dovute alla loro immaturità, che facilitano il loro trapianto diminuendo il rischio di rigetto e della malattia del trapianto centro l'ospite. Questo tipo di trapianto è oggi meno utilizzato.
È comunque utile la donazione del cordone da parte delle partorienti. Per informazioni su questo tipo di donazione, vedere il sito dell’ADISCO Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale o la parte ad essa dedicata sul sito dell’AIEOP.

gruppo neonati

Digitalvis 2020

Back To Top